Corsi di Specializzazione per le attività di Sostegno

Università di Verona - Anno Accademico 2018-2019

Domande frequenti e relative risposte

aggiornate il 12/06/2019

Lezioni e frequenza

A.1. Il Piano didattico è uguale per tutti i corsi?

Il piano didattico per la specializzazione è fissato dal Decreto MIUR 30/09/2011, in particolare si veda allegato B, ed è uguale in tutto il territorio nazionale.

A.2. La frequenza è obbligatoria?

La risposta è contenuta nel Decreto Ministeriale n. 92/2019, art. 3 comma 4, cui si rimanda per ogni chiarimento. In sintesi, è ammessa un'assenza inferiore al 20% solo per gli insegnamenti, che va recuperata attraverso un lavoro aggiuntivo concordato con il docente. Per tutte le altre attività previste dal piano didattico la frequenza è obbligatoria.

Qualora un corsista manchi ad una lezione e a causa di quell'unica assenza superasse il 20% delle ore previste per quell'insegnamento, al fine di consentire di ottemperare all'obbligo di presenza minino, pari all’80%, la Direzione del corso attiverà un’offerta formativa aggiuntiva.

Tirocinio

B.1. Quanto dura il tirocinio diretto?

Il tirocinio diretto è fissato in 150 ore che devono essere distribuite in almeno 5 mesi. Ciò significa che tutti i tirocini dovranno essere avviati entro la metà del mese di ottobre.

B.2. Se si è incaricati sul sostegno, è possibile svolgere il tirocinio su uno degli alunni affidati?

E' possibile ma l'orario non può coincidere con quello di servizio. Il tirocinio va effettuato in un tempo extralavorativo.

B.3. Il tutor di tirocinio presso la scuola accogliente deve essere sempre presente durante le 150 ore?

Non è necessario, ma è fondamentale che le attività di tirocinio siano concordate con il proprio tutor sulla base di un progetto. Non è neppure necessario che il tutor operi come insegnante di sostegno nella classe frequentata dall'alunno scelto per il proprio tirocinio.

B.4. Come si attiva il tirocinio?

Per iniziare il tirocinio è necessaria una specifica convenzione con una Scuola/Istituto accogliente.

L’art. 3, lettera e) del DM 30/09/2011, stabilisce, inoltre, che le convenzioni possano essere stipulate con “le istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione ricomprese nell'elenco di cui all'art. 12 del decreto ministeriale 10 settembre 2010, n. 249”.

Per l’attivazione della convenzione è necessaria una preliminare manifestazione di disponibilità da parte del singolo Istituto o della singola Scuola, che può essere formalizzata direttamente alla Segreteria del Corso di specializzazione (roberto.marconcini@univr.it). Sarà poi la Segreteria a prendere contatti con l’istituzione richiedente. È compito della scuola ospitante individuare un tutor interno in possesso delle caratteristiche previste dal DM 30/09/2011, allegato B.

Ulteriori informazioni saranno rese disponibili a breve attraverso un apposito documento.

Esami

C.1. Quali esami sono previsti?

Tutte le attività previste dal piano didattico sono sottoposte a valutazione. Per gli insegnamenti sono previsti due appelli di esame, il primo dei quali al termine delle lezioni. Per sostenere gli esami è necessario essere in regola con la frequenza (cfr FAQ A.2)

Le valutazioni relative ai laboratori, alle TIC, al tirocinio indiretto, al tirocinio diretto avverranno all'interno delle attività proprie, secondo modalità definite dai singoli docenti/esperti/tutor.